Lo shiatsu in gravidanza

Durante la gravidanza, il nostro “ki” (energia vitale) è spesso messo a dura prova. Lo shiatsu può allora fare miracoli: se realizzato da una persona esperta, i nostri piccoli mali spariranno con un colpo di pollice.

 Lo shiatsu è una tecnica giapponese risalente agli anni 50 che segue i principi della medicina cinese: stimola i punti di agopuntura che manifestano una mancanza di energia e libera quelli che ne hanno accumulata troppa, realizzando delle piccole pressioni con l’aiuto del pollice. Questo per far circolare l’energia liberamente e in modo equilibrato attraverso i meridiani di tutto il nostro corpo.


Lo shiatsu permette di lottare contro alcuni fastidi legati alla gravidanza

Lo shiatsu permette di attaccare il male alla base. Lo si consiglia per lottare contro l’insonnia, l’ansia, i problemi di transito intestinale, i dolori articolari e anche la depressione. Effettivamente, libera anche lo spirito da alcuni dolori morali: sbloccando l’energia, il terapista lavora sulla memoria del corpo. Permette anche di sentirsi meglio nella propria pelle prendendo pienamente coscienza del proprio schema corporeo. Per dei piccoli mali, 1 seduta* di un’ora, una volta alla settimana per tre settimane, basta. Al contrario, per le malattie croniche o che durano da molto tempo, bisognerà praticarlo assiduamente per parecchie settimane. Una seduta si svolge sempre nella calma assoluta, sopra un futon. Dovrai scegliere un terapista che ti ispiri fiducia per sentirti il più possibile a tuo agio e raggiungere un buon rilassamento. Per le chiacchierone sarà dura: il terapista farà il punto della situazione con voi solamente all’inizio e alla fine della seduta.

Lo shiatsu applicato alla donna incinta


La donna incinta, il cui corpo soffre dei chili presi e della fatica accumulata durante tutto il periodo della gravidanza, può beneficiare perfettamente di questa tecnica a condizione di non stimolare alcuni punti ritenuti abortivi. Lo shiatsu permetterà in particolare di rilassare i muscoli ed il sistema nervoso e allevierà i dolori muscolari e articolari dovuti all’aumento del peso. Le stimolazioni si faranno in dolcezza e sarete sdraiate su un lato, confortevolmente posizionate su dei cuscini al termine della gravidanza.

Perché non praticare lo shiatsu come preparazione al parto?

Realizzato regolarmente, fornisce un’eccellente preparazione al parto

, dato che insegna allo stesso tempo tecniche di concentrazione, respirazione e rilassamento. Permetterà quindi di limitare la resistenza nel momento del parto, grazie al sollievo regolare praticato sul fondo schiena e sull’addome, e ti insegnerà come rilasciare le tensioni. Aumenta il controllo che potrai esercitare sulla tua respirazione e quindi sulle contrazioni al momento del parto. Una volta terminato il parto, sentirai il tuo corpo affaticato da tante emozioni e sconvolgimenti fisici. Lo shiatsu potrà aiutarti ancora a prendervi cura di te e del tuo piccolo.

*contare circa 45 euro per una seduta di un’ora.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.