Quando il futuro papà reagisce da angosciato

L’arrivo di un bebè è una prova molto stressante. Il tuo compagno, per quanto possa essersi mostrato contento all’annuncio della tua gravidanza, è rapidamente sommerso da una moltitudine di domande. Capita che il futuro papà si lasci prendere dallo stress e cominci ad immaginare cose che ti sembreranno forse inverosimili, ma che l’angosciano enormemente.

L’angoscia dei futuri padri è frequente
Il futuro papà si angoscia pensando al nuovo statuto che dovrà assumere. Il minimo dubbio diventa allora fonte di inquietudine per lui. Si immagina cose spaventose che potrebbero capitare a te o al bebè. Il fatto che potresti perdere il bebè, con le conseguenti complicazioni per voi…è un’immagine che lo terrorizza costantemente. È una reazione abbastanza comune nei futuri papà, soprattutto in caso di una prima gravidanza . Conoscendo male le tappe della gravidanza, e soprattutto a causa del fatto che non possono provare le emozioni fisiche vissute dalla madre, l’immagine proiettata dalle nausee e dagli altri fastidi che sente la donna prende una dimensione esagerata. Hanno sempre paura che la loro compagna sia malata, che il bambino abbia una malformazione, che un’anomalia sopraggiunga durante la gravidanza, che la madre sia affaticata o debba essere ricoverata… Insomma, questi futuri papà sono così angosciati dai film che si fanno nella loro testa che vivono male la gravidanza.

Il futuro papà si colpevolizza e questo lo angoscia!

Di fronte agli sbalzi d’umore e ai fastidi legati all’arrivo imminente del bebè, il futuro papà si sente colpevole. Colpevole di quello che percepisce come una “degradazione della salute” della sua compagna. Si sente responsabile perché è cosciente di essere il genitore di questo bebè. Per lui, la sua compagna sta così male “perché ha deciso di portare il suo bebè”. Ha la convinzione di essere lui la causa del malessere della sua compagna e dei probabili problemi di salute del bebè. E questa colpevolezza ingiustificata non lo abbandona più! La salute del bebè è una delle più grandi paure del futuro papà. Inoltre, è accentuata se anche la donna incinta si mostra ansiosa o scettica. Ai giorni nostri, nonostante i progressi della medicina, non è inconsueto vedere giovani papà e mamme contare in segreto le dita del nuovo nato! Inutile dire che le ecografie avevano già confermato che il bambino sta benissimo e che non presenta nessuna malformazione! Come aiutare il papà angosciato? Incitandolo a capire innanzi tutto lo svolgimento della gravidanza e rassicurandolo. Incoraggia il futuro papà a partecipare al massimo alla gravidanza, e anche ai corsi di  preparazione al parto

Aiutalo a comprendere che non è responsabile delle circostanze e dei cambiamenti nel tuo stato di salute o in quello del bebè. Ma ancora di più, dagli il tempo di realizzare che sta per diventare padre: ha bisogno di tempo per acquistare fiducia in se stesso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.