Quando il futuro papà reagisce da malato immaginario

Hai annunciato la tua gravidanza al tuo compagno, ma poco tempo dopo constati che comincia a lamentarsi… di innumerevoli mali. Il colmo, è che soffre dei tuoi stessi sintomi! Che ne sia cosciente o meno, il papà in divenire imita i mali della futura mamma, anche se non è realmente malato!

 

Una gravidanza sconvolge l’equilibrio del futuro papà

Quando una donna è incinta, tutta l’attenzione è rivolta verso di lei. Il marito resta solo. Accettare la gravidanza della propria compagna non è così semplice. Il ruolo di apprendista papà è una grossa responsabilità. I nove mesi sono necessari a lui quanto a voi per accettare il fatto di diventare genitori. Si nota che la futura mamma è oggetto di maggiori attenzioni rispetto al papà durante tutto il periodo della gravidanza. Non è raro vedere i mariti accompagnare le mogli dal medico per trovare la risposta alle loro domande. L’annuncio del legame paterno scombussola l’equilibrio dei futuri papà. Mentre si attuano innumerevoli trasformazioni nel corpo della madre, una vera tempesta si scatena nella testa del padre. E siccome per loro è difficile esprimere a parole le inquietudini, per paura di non essere capiti, si ripiegano sul linguaggio del corpo. I malati immaginari, li conoscete? Ecco, i futuri padri lo sono a volte quando la loro compagna è incinta.

Il futuro papà sviluppa i sintomi della gravidanza

Nausee, voglie, aumento del peso, mal di schiena, sbalzi d’umore… Tutti i mali tipici della gravidanza sembrano manifestarsi in lui ugualmente! Si sente sempre stanco e nauseato, non ha voglia di fare niente. Questo può spiegarsi con la volontà del tuo uomo di “accompagnare” la tua gravidanza, ma anche come una forma di rifiuto di lasciarti una relazione esclusiva con il bebè. Vuole, in un certo modo, attirare la tua attenzione “giocando al malato”. Questa “gravidanza” del padre può anche essere interpretata come un mezzo per rivalorizzarsi di fronte ad una mancanza di attenzioni, dovuta alle apprensioni legate all’arrivo del bebè. Questi nove mesi di attesa sono riempiti di emozioni tanto per te quanto per il tuo compagno. Questa “malattia” di lui dimostra fino a che punto soffre per non poter partecipare alla tua gravidanza. Non solo si sente trascurato in questo periodo, ma si sente anche impotente per non poter cooperare ulteriormente con te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.