Come si svolge una peridurale?

Hai sentito parlare della peridurale, tuttavia alcuni punti sono rimasti confusi. Sai che questa iniezione ha come scopo di eliminare il dolore delle contrazioni durante il parto, ma la tua conoscenza si ferma qui. Come si svolge questa operazione? In quale momento viene praticata l'iniezione?

 Perché utilizzare la peridurale?

La

peridurale

è utilizzata spesso durante il parto. Questa iniezione anestetica ha come scopo quello di rendere insensibile la parte inferiore del corpo in modo che le

contrazioni

non si sentano. Quando ti viene somministrato l’anestetico, puoi percepire tutte le sensazioni, come l’indurimento del ventre e il passaggio del bambino, ma non il dolore.

Come si fa l’iniezione epidurale?

Innanzi tutto, sei tu a scegliere il momento in cui deve essere fatta l’iniezione, perché la tolleranza del dolore è propria ad ogni donna. Tuttavia, devi tenere a mente che, passato un certo stadio del travaglio, la peridurale non è più possibile. Quando avrai scelto il buon momento, il tuo anestesista ti chiederà di sederti e di arrotondare bene la schiena. L’iniezione ti viene somministrata in una sola volta e l’ago è infilato tra due vertebre nel fondo schiena. Un prodotto anestetico è applicato sulla pelle per rendere insensibile la parte in cui affonderà il “grande” ago di 10 cm. In seguito, un

catetere

diffonderà il prodotto continuamente, per tutta la durata del travaglio. Questo può sembrare impressionante, ma è un procedimento molto semplice, e non doloroso. È importante stare tranquilla e non dimenticare di respirare con la bocca.

Dopo la peridurale ?

Quando la peridurale comincia a fare effetto, sentirai un leggero formicolio a livello delle gambe e un’impressione di

pesantezza

, ma niente di molto fastidioso. Un po’ di tempo dopo ed il dolore delle contrazioni si farà sentire sempre meno fino a sparire completamente. Quando gli effetti della peridurale finiscono, è possibile che ti venga un leggero mal di testa. Questo è assolutamente normale. Ora sai che cosa ti aspetta il grande giorno. Forza e coraggio!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.