La preparazione classica Anche se gli altri tipi di preparazione al parto sembrano più in voga in questi ultimi tempi, la preparazione “classica” al parto resta immancabile durante la prima gravidanza.  

La preparazione classica risponde alle tue domande sul parto

Diventeremo presto mamme e abbiamo un sacco di domande! Molte di noi si angosciano all’idea di non saper riconoscere una contrazione, o il momento giusto per recarsi alla maternità . La preparazione classica aiuta a vivere più serenamente questo formidabile evento. È concepita per spiegarci la gravidanza e ci fornisce numerosi consigli su come preparare correttamente la nostra valigia e le pratiche amministrative per l’arrivo del bebè. Ma ciò che aiuta maggiormente a sdrammatizzare l’evento sarà la visita della sala travaglio e / o della sala parto. Sarà l’occasione per fare il punto sulla peridurale, il monitoraggio, di vedere gli strumenti che saranno utilizzati (forcipe, spatole) e di parlare di episiotomia. Questa preparazione può, in alcune maternità, essere associata ad altri metodi quali la sofrologia, lo yoga o il canto prenatale. Questo permette allora un approccio della nascita più globale. Generalmente i padri potranno partecipare ad alcune sessioni e in particolare quella sull’espulsione, per evitare di svenire il giorno del parto…  

In pratica, in cosa consiste questa preparazione?

I corsi di preparazione al parto nascono dall'esigenza sempre più diffusa da parte delle donne di comprendere i cambiamenti fisiologici e psicologici legati alla gravidanza. Nel ciclo vitale femminile e della coppia, questo momento rappresenta un’esperienza di crescita e di cambiamento che si esprime attraverso la capacità di prendersi cura del proprio bambino. Questa serie di incontri che possono avvenire nell’ambito degli ospedali, dei consultori, degli ambulatori privati hanno le seguenti finalità: preparare la gestante ad affrontare in maniera più consapevole e serena il travaglio e il parto; informare le donne sulle modificazioni del proprio corpo prodotte dalla gravidanza, di come si sviluppa e cresce il feto. I corsi si dividono: in una parte teorica (anatomia e fisiologia della donna, della gravidanza, del neonato, norme giuridiche riguardanti la gestazione, consigli pratici su come accudire il neonato, i metodi contraccettivi da usare dopo il parto etc.) e una parte pratica di esercizi facili che servono a produrre rilassamento muscolare. In alcune fasi del corso di preparazione è auspicata la presenza del futuro papà. Un allenatore (trainer) insegnerà alle gestanti, incontro dopo incontro, come rilassare tutti i muscoli del corpo (training autogeno) e come eseguire una particolare respirazione assai utile durante il travaglio per ossigenare bene il feto. Non occorrono particolari doti psichiche o fisiche per accedere a tali attività, né particolari attrezzature, ma é sufficiente tanta buona volontà e una tuta da ginnastica; bisognerà infatti eseguire con molta regolarità le lezioni e svolgere a casa gli esercizi e gli allenamenti che il trainer di volta in volta assegnerà, per arrivare al parto in perfetta forma. Questa preparazione inizia di solito verso il sesto mese, lasciando quindi il tempo di seguire 10 sessioni prima dell’arrivo del bebè. Il costo si aggira intorno agli 80 € mensili: 10 incontri di 2 ore (dal 6° mese di gravidanza), con frequenza settimanale. Ciascun incontro si articola in tre diverse fasi: lavoro sul corpo con l'utilizzazione di tecniche yoga, bioenergetica, respirazione, rilassamento e massaggio; scambio di esperienze sui vissuti riguardanti la gravidanza, il parto e l'essere madre; informazioni sulla relazione madre - padre - bambino, sulle cure pratiche al neonato e sul puerperio. Il corso prevede inoltre due incontri dedicati alla coppia condotti da un’ostetrica e da una psicologa: nel primo incontro vengono fornite informazioni sui meccanismi fisiologici e psicologici del travaglio e del parto. Nel secondo incontro la coppia sperimenta tecniche di massaggio, di respirazione e le posizioni da assumere durante il travaglio ed il parto. Quali sono i risultati? Le statistiche dimostrano inequivocabilmente un travaglio più breve, una diminuzione dei parti "difficili" e una riduzione del numero dei tagli cesarei. In conclusione si potrà iniziare a pensare in maniera nuova al parto, ove coppia e neonato diventano i veri protagonisti dell’evento nascita.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.